DOMENICA

La domenica resta comunque uno spartiacque. Anche per chi non lavora, per chi è in un letto di ospedale,per chi non è felice.Anche per chi da questo giorno non si aspetta niente di speciale.La domenica divide i giorni “normali” da altri giorni “normali” con una specialità codificata. E’ domenica e dunque il mondo fa una pausa, è domenica ed è … Continua a leggere

COMMENTI

Domenica scorsa ho pubblicato un piccolo post, a metà tra il serio e il faceto, che voleva solo essere una riflessione estemporanea lievemente amara. A giudicare dai commenti però l’ho trovata largamente condivisa e mi sono detta “ma allora siamo proprio messi male…” Al di là di qualcuno che sostiene ancora qualche elemento di speranza e di sorriso, gli altri mi sembravano … Continua a leggere

TUTTI PIU’ POVERI

                            ( Pensierino della domenica ) I cittadini italiani sono sempre più poveri o per lo meno lo sono in una percentuale altissima rispetto ad una minoranza sempre più ricca Questo è quanto ci dicono i media, facilmente riscontrabile nel quotidiano. E la cosa è davvero preoccupante se ad aumentare di prezzo sono proprio i generi alimentari di prima necessità come la … Continua a leggere

L’INIZIO

L’importante fattore dell’inizio. La luce del giorno, il profumo del caffè, lo sguardo sul panorama, bello e lucido come una cartolina. Il silenzio della casa che dorme ancora. Qualche residuo dell’allegro pranzo di ieri. Sposto una sedia, ripiego un tovagliolo. E ha inizio la giornata. E poi…una parola amara, un pensiero triste, una telefonata fastidiosa…Il panorama è sempre lì, lucido … Continua a leggere

POESIE PER IMMAGINI

                  – Ispirate da Jack Vettriano ( e amica fragile)-       Prigioni                  Quei riquadri leggeri  sopra i vetri come sbarre sottili che la noia e l’attesa costruiscono assieme. L’occhio guarda e non vede. E giorno e notte si confondono ancora alla finestra.                                   … Continua a leggere

SOGNI

  Mattina presto. Il suono del citofono dissolve all’improvviso quello spazio fluttuante nel quale si muovevano i miei sogni, che se ne vanno, uno ad uno, nel primo sole del giorno. Rispondo infastidita _”Mi scusi, un’informazione…”- La mia vocina razionale ha la meglio su quella inviperita che di primo inpulso avrebbe risposto con un “vaffa” che oggi è pure di … Continua a leggere

LE RAGAZZE DELL’EST (ultima parte)

-“Per ora può dormire in camera della mamma-dice Piero- così saremo più tranquilli. Poi si vedrà”- Dormire? Ada non ha mai pensato questo. Dormire, perché? Che bisogno c’è di aiuto anche di notte? E che significa “poi si vedrà”? La sorpresa già si tinge di sospetto e Mariannina sembra stare là a guardarla e a scuotere la testa. La donna … Continua a leggere