TRE AIKU PER COMINCIARE IL GIORNO

                                   Bisogna avere ogni giorno un progetto dentro il cassetto                                                                                              Lenti i minuti                                                                                                 ricamano nel vuoto                                                                                              ricordi muti.                                                                                                                                                                                                    Come preghieranel grigio del mattinola tua canzone                                                                                                  

UNA BANALE STORIA DI SOLDI

                             La mattina dopo Guido era già uscito quando lei si svegliò, ma aveva lasciato sul tavolo altri 200 euro. Vicino però aveva messo un rametto di geranio staccato dalle due stente piante che Annalisa aveva sul balcone. Lei sorrise e ricordò quando lui , in passato, il sabato e la domenica le portava il caffè a letto. C'era sempre … Continua a leggere

UNA BANALE STORIA DI SOLDI

                                  Quella sera pioveva e mentre in casa si spandeva l'odore di minestra e luci e tv accese davano all'appartamento un insolito calore, Guido cominciò a parlare. Era un strano discorso tutto infarcito di termini come opportunità, osare prima che sia troppo tardi, rischio calcolato, dove ogni tanto ricorreva la parola soldi. Annalisa ascoltava interdetta. Per la prima volta … Continua a leggere

UNA BANALE STORIA DI SOLDI

           La giornata trascorse lenta e stanca e a sera Annalisa sentiva le gambe gonfie e una voglia insopprimibile di dormire. Tornò a casa con l'idea di mettere in tavola un qualsiasi piatto le riuscisse di preparare per Guido e andarsene a letto di corsa. Non vedeva il marito dal mattino, perché non era tornata per il pranzo (spesso la … Continua a leggere

UNA BANALE QUESTIONE DI SOLDI

                        (e torniamo a raccontare…)                         I soldi nel cassetto comune erano alla fine. L'ultima bolletta della luce li aveva letteralmente affossati. Ora mancava ancora una settimana alla fine del mese e la dispensa era quasi vuota. Lei era sempre molto brava a far quadrare i bilanci e a far durare a lungo l'intervallo tra una spesa e l'altra. Se … Continua a leggere

VITA

                                       (Matisse: Gioia di vivere)Passa. Lascia dietro di se la schiuma bianca e la polvere scura dei ricordi. Chiama a gran voce  i pensieri a raccolta.  E' la vita, sorella.                             Spuntano nuove albe e anche di notte c'è una finestra aperta sul domani.

ENERGIA

                       I post del mattino hanno tutti un'aria stanca e nervosa. Oggi è lunedì, ma gli altri giorni non va molto meglio. Di solito ci si lamenta perché la sera prima non è stata bella, perché il lavoro che ci aspetta non ci piace, perché si aprono gli occhi sulle proprie ferite d'amore. Più semplicemente solo perché abbiamo dormito male … Continua a leggere

UNA ISOTTA FRASCHINI

                Stanotte ho sognato una Isotta Fraschini. Prima di cercare la foto per il blog, non sapevo neppure bene come fosse fatta. So soltanto che è una macchina del passato, che l'ho incontrata qualche volta in vecchi romanzi polizieschi, ma ne ho una vaga idea. Mi sembra di ricordare che a bordo di questa macchina ci fossero sempre signore con … Continua a leggere

CONDIVIDERE LA NOTTE

La finestra è aperta sulla notte  e c'è un'afa d'agosto che chiude la gola. Tu dormi e il tuo respiro è più denso di quello del mare. Così dopo l'amore e nel silenzio io sono sveglia e ti sfioro. Tu mi circondi col braccio, la notte continua e quando appare l'alba mi addormento.Notti da ricordare o da dimenticare? Ancora me … Continua a leggere