RACCONTI PER TRENTA GIORNI

                                      (Racconto n.17) NATO IL 29 FEBBRAIO      L'uomo dei dieci compleanni. Lo chiamavano tutti così in ufficio e quello era il suo decimo compleanno, appunto. Quella sera andava a casa prima del solito orario ed era ovvio per tutti. Aveva da festeggiare. Monica, la segretaria, gli aveva fatto trovare sulla scrivania un gran cesto di fiori, offerto da tutto … Continua a leggere

RACCONTI PER TRENTA GIORNI

                                  Racconto n.16           VINTAGE                                           Angela e Maria erano amiche da sempre. Laureande in architettura studiavano assieme dalle elementari. La madre di Angela faceva la sarta e aveva cucito tutti i loro abiti, da quando erano piccole e prima che loro due cominciassero a non gradire più e preferissero andar per bancarelle in cerca di abiti "vintage". Gli … Continua a leggere

RACCONTI PER TRENTA GIORNI

                  Racconto n.15 COME UN FILM DELLA TV "Esci?""Esco"La risposta secca fu accompagnata dal suono della porta che si chiudeva alle sue spalle. Da un po' di tempo a questa parte quel suono gli procurava una fitta allo stomaco e il suo sguardo si incupiva. Anche oggi, ma stavolta il tonfo fu accompagnato anche da un senso di sollievo, come … Continua a leggere

RACCONTI PER TRENTA GIORNI

Racconto n.14 ( lungo per un lungo w.e.) LE CONSEGUENZE  Uscendo dall'ascensore, al sesto piano, affrontò per la prima volta con leggerezza, quell'ultima rampa di scale,senza pensare ad alcuna conseguenza, contento di sé e della serata che l'aspettava. Lei lo precedette e lo lasciò passare dopo aver aperto la porta, con quell'aria pensosa e attenta, ma con il piglio deciso … Continua a leggere

RACCONTI PER TRENTA GIORNI

              Racconto n.13                           IN PIZZERIA La pizzeria era affollata e trovai posto a stento proprio perché ero sola. Appollaiata su una sedia poco più bassa di uno sgabello, mi complimentavo con me stessa per esserci riuscita. Ad andare in pizzeria da sola, intendo. Non lo avevo mai fatto, ma quella sera ero infuriata con me stessa e con il mondo … Continua a leggere

RACCONTI PER TRENTA GIORNI

                  Racconto n.12                                LA TELEFONATA "Pronto?""Si, pronto"Comincia così, come tutte le sere, la nostra conversazione, ma il tono non è più lo stesso da molti giorni. Mi sforzo di essere disinvolta e serena, ma le mie parole si arenano sul tuo silenzio .E facciamo fatica, tutti e due. Le pause sono frequenti . Qualche "E allora?" buttato lì … Continua a leggere

IL GIORNO DOPO

Pasqua è appena passata, con tanta confusione, tante inutili cose in giro e tanto spreco di cibo. Si è consumata la solita festa di rito, senza neanche la magica atmosfera natalizia che un po', volenti o nolenti, asseconda sentimenti "buoni"e qualche rimorso. Pasqua invece è grassa e grossolana, concentrata com'è in quel mare di cioccolata ( e parla una che … Continua a leggere

INTERMEZZO PASQUALE

                                                        LontanodaCrisalideIlianettoNotimetoloseNowhereGasolineJahiraTrespoloJedLargenIoliberaAdsimpliciaresSalfelPulvigiuPalommellaPattyMatildeReporterBriochesDaldivanoTedanixIlboidiAnakeNellestalleMasqueradeGeaMilenaLasteriscoMototortugaG.puntoOnecatGreenduneGranelloCaciottinaT.T.WellerJudithBicioBlackLoscrivanoVinzTerezasDidoneTheswordmanAvalonVerdeboscoGilOndanuovaMoonDonnadiquadriScemerentolaKreshReporterHaffnerVitoGelidocapriccioAliceArtistaGiuliaYetisteMypassionHalyaDunaverdeSofiaCota315Nel.ripostiglioLa dy                                         

RACCONTI PER TRENTA GIORNI

 Racconto n.11                                                                                                                                                                       PIOGGIA Si tirò la porta alle spalle con un tonfo e uscì. L'aria della sera era calda e umida, si appiccicava lievemente ai  vestiti  e ai capelli e gli dava un senso di nausea. Ma forse era la sera stessa a dargli quel senso di nausea, forse era la sua stessa vita. … Continua a leggere

RACCONTI PER TRENTA GIORNI

       Racconto n.10                                               AL BINARIO N.7Seduta al mio posto, guardo giù sul marciapiedi per ingannare l'attesa. Una ragazza parla al cellulare, con il volto coperto dai lunghi capelli neri ( intravedo a malapena il volto) e una valigia ai piedi, in attesa di salire, immagino. E' così assorta nelle sue parole che non vede niente intorno. Qualcuno correndo … Continua a leggere