L’UOMO DI CITTA'(racconto flash n.3)

I colori dell’alba, dietro la collina avevano assunto sfumature arancioni, il brusio del risveglio riguardava solo lo sgocciolio della vecchia fontana, il canto del gallo e il primo abbaiare dei cani. Anche la campana aveva già fatto sentire la sua voce. Non erano voci di città quelle. Se lo disse anche l’uomo appena sceso dalla corriera , che si guardava … Continua a leggere

LA RAGAZZA (racconto-flash)

La donna se ne stava affacciata alla finestra, con il capo sul davanzale, sporgendo le braccia penzoloni nel vuoto. Sembrava una di quelle marionette di un teatrino per bambini nei giardini pubblici, che sono sempre abbandonate in avanti sul bordo del piccolo palcoscenico di cartapesta. La palazzina era l’ultima della strada, una strada polverosa di un paese di campagna nell’entroterra … Continua a leggere

BIANCO AL TRAMONTO

Torno dal mare con ancora sulla pelle il caldo umido e appiccicoso di questa giornata di fine luglio, nonostante i tanti bagni in un mare stupendo e la doccia gelata fatta prima di risalire. Ho con me la mia inseparabile digitale, da quando l’ho comprata non la mollo mai e, a dispetto di amici di blog che mi prendono in … Continua a leggere

NIENTE PAURA

Ho visto che qualcuno è preoccupato per me.Niente paura,la mia è una momentanea lontananza a metà strada tra la vacanza e lavoretti di vario genere, ma ho trovato un punto internet per non farvi sentire a lungo la mia mancanza ( si fa per dire).Saluti cari a tutti. Torno presto.

SABATO D’ESTATE

Se non sei un giovane in cerca di divertimento e non insegui il w.e. a tutti i costi, il sabato d’estate può essere un giorno molto strano. La città si svuota lentamente: un po’ alla volta nella mattinata, quando una parvenza di vita normale continua ad esserci, anche se più frenetica del solito, e poi tutto di un colpo nel … Continua a leggere

VACANZE

Momento di andirivieni nel blog, l’estate si fa sentire anche qui. Molti amici sono via e un po’ mi mancano. I post, tristi, malinconici o allegri che siano, sono in gran parte all’insegna del provvisorio e della stanchezza. Poche idee, comprese le mie, poca voglia di fare,un po’ di noia. Ciascuno insegue con il pensiero il proprio sogno, il proprio … Continua a leggere

VENTO IN POPPA

Questa mattina ho messo sul mio desktop un grande veliero con le vele spiegate nel vento, su una distesa infinita di mare color cenere. Mi lascio trasportare dal tran tran mattutino che si snoda con lenta pigrizia in queste ore d’estate. Il mio primo pensiero non è stato bello e non avrebbe potuto essere altrimenti, visto che in questi giorni … Continua a leggere